martedì 27 novembre 2007

EPICA D'OR ASSEGNATI IERI


Lo spot del gorilla l'avevo messo nel precedente blog, perchè ne era uscito uno quasi uguale: non mi fa impazzire. France 24 l'avevo segnalato domenica e mi piace molto. I due italiani si vedono appena appena, se li trovo li allego. Qualcuno ha voglia di cercare Pepsi e Diesel?

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Buongiorno prof, sono Barbara Rocca. Come le ho detto settimana scorsa, per l'approfondimento vorrei aggregarmi a Valentina Tornielli per il lavoro sulla case history playstation. Grazie!

angelo ha detto...

ok. have fun

Anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=HiBNdQzJ_m4

doriana ha detto...

Certo che se in uno spot metti un pezzo storico come "In the Air Tonight" dei Genesis, come soggetto puoi proprio mettere di tutto.

Persino un Gorilla ispirato che si appresta a suonare la batteria.

Christian Harris ha detto...

Secondo me la connessione con il prodotto e il messaggio è molto debole, se non inesistente.

angelo ha detto...

Anonimo: sì, l'avevo visto, ma quello è uno spoof, io mi riferivo un altro spot molto simile, adesso non lo ritrovo
Christian: concordo
Doriana: abbastanza vero, l'idea e la realizzazione comunque sono notevoli, non puoi non guardarlo, ma come dice christian lavora poco sul marchio

doriana ha detto...

Sono d'accordo.
Sicuramente è carino e divertente e ti tiene attaccato allo schermo. Ma sfugge il nesso tra il soggetto e l'intento pubblicitario.
Quando una canzone splendida sta a supporto di un messaggio chiaro, ben realizzato e coerente con il marchio e con il prodotto, l'effetto è sicuramente ancora più incisivo.
Un esempio perfettamente calzante (anche se ovviamente il tono è ben diverso) è lo spot di Calzedonia di Lucini.
Sarebbe interessante come approfondimento: vedere gli spot che hanno sfruttato la fama di opere preesistenti, e vedere quali hanno effettivamente apportato un'innovazione e perché, rispetto ad altri che si sono limitati a vampirizzare l'opera ricalcandone la celebrità (es. Ferrarelle - La Dolce Vita).

angelo ha detto...

Non dirlo a me. In uno spot avevo messo Halleluiah di Leonard Cohen ed era fantastico. Poi lui, o meglio il suo agente, non ci ha dato ii diritti.

flavia ha detto...

Prof. mi scusi se le scrivo qui ma per il mio approfondimento ho cercato edizioni straniere di vanity fair per il confronto con quella italiana però mi è sorto un dubbio: quella inglese e quella americana sono mensili, mentre quella italiana è settimanale..possono andar bene ugualmente? Perchè altrimenti sia Cosmopolitan che Glamour hanno la stessa periodicità in tutte le edizioni!Posso buttarmi nella comparatio?

angelo ha detto...

Come preferisci

doriana ha detto...

Molto bella anche la versione di Jeff Buckley di Hallelujah.

http://www.youtube.com/watch?v=AratTMGrHaQ

angelo ha detto...

Doriana: era esattamente quella. Vi farò vedere il rubamatic.

Cinzia ha detto...

http://www.interactive.duncans.tv/2007/heidies-15-mb-of-fame-with-diesel/

quella di diesel