giovedì 4 ottobre 2007

BRAINSTORMING TIME






Non proprio secondo le regole, troppo numeroso, aula molto formale, conduttore invadente e valutativo, annotatori bravi. Ma abbiamo provato a fare un brainstorming. Spunti parecchi, un po' sbilanciati sulla critica all'università. Probabilmente il mio brief è stato fuorviante. Comunque interessanti le osservazioni che ho sentito. Credo che se ci concentriamo su due o tre delle cose dette possiamo avere delle idee brillanti. Aspetto spunti e commenti.

8 commenti:

Christian Harris ha detto...

A me è venuta un'altra idea: un evento ambient contro coloro che usano le lezioni per chiacchierare a ruota libera. Lo so professore che è un problema che nella sua lezione non si respira, ma in altre lezioni sì.
Uscendo dalla Cattolica, sulle strisce pedonali, si incontra una scritta in blu con scritto solo: "Perché stasera non vai a teatro?"... si potrebbe pensare a qualcosa di simile con scritto qualcosa del tipo: "Perché non vai a chiacchierare nei chiostri?" e subito dopo "Non lenire i tuoi sensi di colpa disturbando chi vuole seguire le lezioni". Troppo cattivo?...che nessuno me ne voglia, davvero! Non ce l'ho con nessuno. Solo bastano 6 ore di lezione a far venire il mal di testa... un brusio costante in aggiunta fa venire l'emicrania! Altra possibile realizzazione: delle sedie fuori dalle aule con per terra giornali, merendine e altro e un adesivo del tipo: "Perché non ti fermi qui a chiacchierare anziché farlo in aula?".

Ora, appena tornato alla mia connessione casalinga dopo due giorni di assenza, mi metto alla ricerca di alcune immagini di eventi ambient e provvedo a spedire al prof. il codice html già pronto per inserire in questo blog una maschera per la visualizzazione di tali immagini. (sperando di fare cosa gradita....a più tardi!)

angelo ha detto...

Grazie dei tuoi commenti e delle idee. Le discuteremo. Io preferirei una cosa meno moralistica. Anch'io, in austostrada naturalmente, ho avuto un'idea che viene dai vostri spunti e si è ramificata in ambient, guerrilla, viral, tv, insomma dappertutto. Ho già parlato a un regista che sarebbe diposto a girare lo spottino magari anche in università, con noi nel backstage. Ma non vorrei infulenzarvi. Sarà una fatica terribile non dirvela.

Christian Harris ha detto...

Non volevo fare il moralista, odio i moralisti anche se non credo che qui si tratti di "morale" ma questa è un'altra storia. Se si trovasse un'idea divertente, ovvio, sarebbe il massimo e ho come la sensazione che la sua lo sia! Ma faccia questo sforzo, almeno per un po'... altrimenti perderemmo l'occasione di vedere cosa possono produrre una cinquantina di menti libere!

ALE ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
ALE ha detto...

salve prof,
durante il brainstorming time ero occupata a fare la valletta e a raccogliere le idee degli altri per cui la parte razionale del mio cervello lavorava a 1000 ma quella creativa era in stand by!
Però mentre tornavo a casa (o forse mentre stavo seguendo una lezione abbastanza noiosa di design, non ricordo)mi è venuta un'illuminazione.
Si potrebbe fare una campagna che abbia per oggetto i comportamenti superstiziosi degli studenti della cattolica, del tipo: lo sa che c'è un sacco di gente che non attraversa i chiostri trasversalmente perché crede che poi non riuscirà a laurearsi (per cui fanno tutti degli strani percorsi a zig zag per riuscire a raggiungere il punto opposto a quello in cui si trovano); altri invece non passano sotto l'arco centrale dei 3 che ci sono alla fine della scalinata che passa per l'aula sant'agostino, in gemelli sempre per lo stesso motivo.
Oppure, un'altra questione potrebbe riguardare i FUORICORSO...ancora non so bene in che modo, ma in questo caso si potrebbe giocare con la parola in quanto può essere adattata a contesti diversi.

angelo ha detto...

Molto bella questa storia delle superstizioni, non mi ricordo se c'era ai miei tempi. Ne discutiamo in aula.

laura ha detto...

mi piace l'idea dei riti scaramantici...non so se sia un link un pò forzato ma potrbbe collegarsi con i fuori- corso per i quali i riti scaramantici non bastano un pò cattivella?.

e per tornare all'argomento fumo.
dopo i mozziconi non si potrebbe parlare anche del fumo passivo?ok che siamo all'aperto, ma l'altro gg ho dovuto cambiare panchina perchè il vento portava tutto l'odoraccio dalla mia parte.i fumi grigi contrapposti al colore delle idee che nascono dai nostri giovani cervelli, la butto lì!

Anonimo ha detto...

Buona quella dei riti scaramantici A me è venuta in mente quest'idea: una campagna ambient per "arruolarsi come bidello" una specie di Zio Sam che dice I want You, per futuri nuovi bidelli.

F.