giovedì 13 dicembre 2007

THE END


Oggi ultima lezione. Per chi non c'era, riassumo. E' intervenuta Stefania Bastianelli, che ha raccontato di quanto ha pianto per imparare il mestiere. Poi mi ha detto: che bella classe, svegli, simpatici e pure belli. Si sente che è un account. Abbiamo visto un video proibito, complimenti al regista, al montatore e agli attori. Bellissimo, ma non si capisce come va a finire. Abbiamo parlato degli scoiattoli, se è già il tempo di andare in letargo oppure di stare svegli e farsi sentire. E' stata presentata una Guida all'esame, apprezzata più che altro il software di presentazione. Ho fatto l'ultimo appello, e ho capito che per ricordarvi tutti ci vuole almeno un corso triennale. Abbiamo parlato del blog, e in un post a parte lancio la mia proposta.
Ci siamo salutati e a me, anche se non ve ne siete accorti, si sono appannati gli occhiali.

Ciao. E' stato bello, per quel che è durato. Mi mancherete. The Blab.


77 commenti:

Adriana ha detto...

Prof. visto che abbiamo problemi a comunicare via mail, le posto qui il tema del mio approfondimento (che non ha ancora un titolo,ma penso si possa capire):Pubblicità anni 80 vs quelle di oggi - dal materiale all'immateriale. Cioè come si sono smaterializzati i consumi,ma anche cosa è cambiato nei linguaggi.IL mio video di ispirazione è stato questo,così lontano dalle pubblicità dei fustini che non si scambiavano e delle magliette da calcio sbiadite!
http://it.youtube.com/watch?v=7NEgnl0GddY

Visto che oggi si conclude la vorrei ringraziare:è stato il mio primo corso di pubblicità, alla triennale purtroppo facevo altro. Mi sembra di avere imparato un sacco di cose o, per lo meno, ho imparato a guardarmi intorno in un modo diverso.

angelo ha detto...

Adrianaaaaa: azz che approfondimento profondo. Speriamo bene. PS: Grazie.

ale durante ha detto...

non so spiegare il perché ma alla fine di questo corso mi sembra di poter fare un sacco di cose.
ok la bravura, ok l'intelligenza,ok l'italiano e ok pure l'inglese...ma soprattutto entusiasmo, voglia, motivazione e grinta! i primi si possono imparare o almeno migliorare, soprattutto e solamente se ci sono i secondi!
se questo è quello che ho imparato posso dire senza problemi che è stato il corso più utile di 5 anni di università!
So che se uno ci pensa queste sono cose abbastanza scontate ma a volte serve che qualcuno te le ricordi. beh prof, non ce le ha solo ricordate, ce le ha dimostrate!
bleh,che sviolinata. Allora finisco così: è così vero che bisogna sapere l'inglese per diventare copy o account? perché questo lei non ce l'ha dimostrato tanto bene.

ale durante ha detto...

Per la BELLEZZA vedremo cosa si può fare!

daniela ha detto...

zero zero! qui non si chiude nessun blab perchè abbiamo ancora delle "questioni" aperte:

- in primis la guerrilla
- in secundis il claim della mostra di Chicago
- dulcis in fundo...

prof. aspetti la settimana prima degli esami per essere tempestato di domande e dubbi provocati dal panico piu assoluto!!!! eheh...

Fede ha detto...

Ma prof, perchè lei pensa a che non sia scesa una lacrimuccia?!?

Mi sento orfana nel pensare che al mercoledì non ci sarà più lei a tenere banco...

Qualche anno fa, quando terminò il suo laboratorio alla triennale non mi fece nessun effetto: ero venuta con tanta voglia di fare, dire, creare ed invece ne uscii con voglia zero... io avrei provato a fare la copy, ma lei ci aveva smontato un sacco, inveito tantissimo con noi donne del corso e io mi ero scoraggiata!!!
Infatti per lo stage aveva preso solo un uomo: Gabriele Moschin..se lo ricorda???


Poi quest'anno, quando ho visto che lei teneva il Lab di nuovo, dico la verità, un po mi sono spaventata...avevo paura che finisse nella stessa identica maniera della triennale!!

Invece MAGIA! TUTTO E' CAMBIATO!

Non so se sono cambiata io, è cambiato lei, è cambiato il contesto, ma quest'anno è stato fenomenale...il corso(pensava lei, eh?!)


Scherzo anche lei è stato bravo.
Ci ha detto così tante cose, dato così tanti stimoli che quasi sono ancora frastornata, soprattutto ho tantissima voglia di fare!!!
Non posso fare altrimenti che provare il test del copy e vedere come andrà! E anche se non andrà...beh c'è sempre il piano B: fare l'account!

Sviolinata?! Forse, anche se non vorrebbe esserlo...ma solo per dirle che il corso mi è piaciuto un sacco, e che rispetto a tanti altri, mi sento di aver capito qualcosa in più, di vedere finalmente una luce in fondo al tunnel...che un posto in questa giungla lo trovo anch'io!

Cinzia ha detto...

Su prof, non faccia così, che poi viene davvero la lacrimuccia anche a noi..(che per inciso finiamo la settimana prossima la nostra vita da studenti)
Come mi ha detto qualcuno..cavolo non ricordo chi..il mondo della comunicazione alla fine è un piccolo mondo e si conoscono tutti, quindi chissà che non finiremo prima o poi per avere a che fare con lei come responsabili comunicazione di qualche azienda x (mmhh..forse punto troppo in alto) o la incontreremo a qualche evento di cui avremo meritato anche noi l'invito o magari le soffieremo da sotto il naso qualche premio lavorando in una agenzia concorrente (..sempre troppo in alto?..).
Vabbè..insomma..per dire che magari un giorno ci ri incontrerà e sarà orgoglioso di noi..i suoi studenti..

angelo ha detto...

Fede: accidenti, non me lo ricordavo così il primo lab. Mi spaice, però adesso ormai non posso più farci niente. A volte l'ironia non viene percepita, e dovrei capirlo. Avevo preso Gabriele perchè era bravo, non perchè era un maschietto, e infatti l'anno dopo ho preso Roberta. Di cui ho fatto anche il corelatore di tesi. Dopo qualche mese di stage, è andata in Australia. Dici che significa qualcosa?

doriana ha detto...

Questa separazione è infinitamente triste. Oggi ho persino bigiano canto e storia del jazz per non perdermi l'ultima lezione.

Io la butto lì: se organizzassimo una pizza tutti insieme dopo le vacanze di Natale? Forse è una proposta poco accademica ed eccessivamente informale, ma penso che sarebbe bello salutarsi in maniera adeguata.

Fede ha detto...

Io spero significhi qualcosa!!!Me lo auguro proprio...anche se questa Roberta non la conosco...ma non importa. Conosco però Gabriele e so che se lo meritava, non è una persona comune e lo si capisce a colpo d'occhio, mi spiace, infatti averlo perso di vista!!! Anzi...le chiedo una cosa, un po' una carrambata: magari lei ha un suo indirizzo mail?!



Beh dai prof, per il 1° lab non importa il passato è passato: l'importante è il futuro!! e direi che si è redento a sufficienza quest'anno...Va',la perdono! ;-))))))

Fede ha detto...

Io ci sto per la pizzata per con il prof!!!!

angelo ha detto...

Doriana: come, storia del jazz? Se lo sapevo, bigiavo io la mia lezione.

doriana ha detto...

Ebbene sì. E' questo il motivo per cui non potevo partecipare alle lezioni del giovedì. Se le interessa l'argomento stavolta posso consigliarle io un bellissimo libro, "Jazz" di Arrigo Polillo.

La pizzata intanto sta già iniziando a raccogliere consensi (non avevo dubbi). Aspettiamo il suo.

Segnalazione:
http://www.corriere.it/cronache/07_dicembre_13/effetto_domino_506fd96e-a993-11dc-b997-0003ba99c53b.shtml

angelo ha detto...

Jazz di Polillo ne ho due copie, e non sono nemmeno arrivato a metà della prima.
Che jazz ascolti?

flavia ha detto...

Fede io conosco la famosa Roberta perchè avevo seguito con lei il lab del prof nel triennio...era davvero la migliore del corso e alla fine tutti eravamo daccordo sul fatto che dovesse essere presa proprio lei per lo stage!

sabrina ha detto...

nooo il polillo nooo. ma doriana studi in civica?

angelo ha detto...

Ma insomma, posso andare avanti a mettere a posto i ppt per voi, o devo continuare a interrompermi? Il documento Cannes Winner era molto lacunoso, mi sono accorto che tutte le cose che ho detto non le avevo scritte e lo sto facendo ora. Sono arrivato al 96. Ho bisogno di un'oretta.

flavia ha detto...

oggi sono dovuta uscire prima dalla lezione ma di certo lei prof. sa come far commuovere la gente: ho letto poco fa il suo post e, da buona sentimentalona, mi si è stretto il cuore...sembra molto una scena da "via col vento", ma in fondo domani è un altro giorno!

Fede ha detto...

Mi è balenata in questo momento un'idea...

Dato che a tutti è scesa una lacrimuccia per la fine delle lezioni, perchè non creiamo qlc per ricordarci di noi?

Cinzia giustamente diceva che nella comunicazione alla fine ci si conosce un po' tutti...allora pensiamo ad una sorta di annuario all'americana con magari i nostri contatti..chissà che non torni utile!!!

la prima idea che mi è venuta è una sorta di collage di foto..una per ogni componente della classe.. si accettano suggerimenti, adesioni..

silvia a. ha detto...

prof, le dico solo una parola...GRAZIE!
grazie di tutto quello che ci ha insegnato ma soprattutto di essere riuscito a trasmetterci una cosa rara e preziosa...così tanto entusiasmo.
sono proprio contenta perchè con il suo come ultimo corso della mia vita universitaria sento di avere davvero chiuso in bellezza il cerchio! e di avere tanta voglia di lanciarmi in quello che verrà...

grande doriana, la pizzata mi sembra un'ottima idea!! ;)

Fabio Gavazzi ha detto...

è facile essere retorici in queste occasioni...dico solo che per me il filmato realizzato da stefano riassume alla perfezione questi tre mesi di corso...l'intensità, la velocità, il divertimento nel fare qualcosa di nuovo e insolito..lo ricorderò con piacere

Giulia ha detto...

prof, in un commento di un mesetto fa, in cui scrivevo che per carattere non avrei mai parlato in aula, lei mi ha risposto che se non avessi parlato da sola mi avrebbe fatto parlare lei!Non ci siamo riusciti, in ogni caso mi ha fatto venire voglia di provarci; non sa quante volte avrei alzato la mano, ma sapendo di che colore si sarebbe tinta la mia faccia ci ho rinunciato!comunque dei risultati ci sono stati: ero partita con l'idea che non avrei mai fatto il creativo e ora invece sto pensando di cimentarmi nel tremendo test.
Posso mandarle i pezzi uno alla volta?o tutti insieme?
Grazie della scossa!

Anonimo ha detto...

mancava solo il "capitano o mio capitamo"

doriana ha detto...

Professore non può abbandonare il Polillo a prendere polvere sul comodino! Che poi è anche scorrevole, non si sarà lasciato intimorire dalla mole del volume?
Il jazz che ascolto è piuttosto vario, dai classici ai contemporanei, ma devo dire che il mio cuore è fuggito da qualche parte in Brasile a ballare bossa e samba. Lei cosa ascolta?
Insomma, di finire il ppt in santa pace non se ne parla.

Sabrina: esatto, proprio in Civica. Anche tu?

Fede ha detto...

il "capitano,o mio capitano" lo faremo se al prof succede qlc per la storia della code!!!

Silvia ha detto...

Mi sono persa la valutazione della didattica perchè ero arrivata in ritardo, per cui la faccio qui in diretta: casi pratici, lezioni dialogate, la novità del blog del corso, la mitica guerrilla, insomma qualcosa, come dice sempre lei prof. scandendo bene lettera per lettera, di DIVERSO. Finalmente nel nostro corso abbiamo comunicato e tentato di creare e realizzare qualcosa, abbiamo imparato e ci siamo divertiti, mica male no?

ale durante ha detto...

prof, salvi tutti i commenti di questo post che magari le tornano utili se la vengono a cercare per la guerrilla.

Mirco ha detto...

E' come finire un buon libro in fondo. Quando inizi magari non ti appassiona, non ti prende, senti quasi la fatica di scorrere le righe e voltare le pagine. Poi entra nel vivo e allora le pagine cominci a divorarle, le consumi letteralmente, in totale dipendenza...E' senza accorgerti che ti avvicini alla conclusione. Realizzi che il libro sta per finire e vorresti che il THE END nn arrivasse mai, che le pagine si dispiegassero in due, quattro, otto. Ma è la conclusione a dare molto del senso di una storia.

Mirco ha detto...

E se la conclusione ti fa appannare gli occhiali, scendere una lacrimuccia o anche solo guardare alla copertina con tenerezza...beh allora ne è valsa la pena.

doriana ha detto...

Grande Mirco.

Anonimo ha detto...

Quel mirco lì adesso lo vediamo nel test. L'anonimo.

siro ha detto...

Prof, il Blab non chiude mica. Adesso siamo dei recettori di stimoli, no? Abbiamo appena incominciato. Non si azzardi a romperci il giocattolo.

riccardo galli ha detto...

Ahem, Siro sono io :-)

nicoletta ha detto...

Solo stamattina nella pausa della prof Bionda ho realizzato che domani,o di fatto tra 1 settimana finisce la scuola(si sono la solita addormentata)cioè non le lezioni, l'anno o che so io, finisce tutto quello che siamo stati fin'ora, la nostra vita da studenti!Mi è venuta una tristezza pazzesca e già la nostalgia mi assaliva ripensando a tutto quello che abbiamo vissuto in questi anni.Per me sono stati solo 2 qui a Milano perchè vengo da Padova e all'inizio tutto mi sembrava +grande,+veloce,+caotico...

nicoletta ha detto...

... poi invece questa città con le sue contraddizioni e i suoi ritmi, ma soprattutto le persone che ho incontrato e ritrovato durante il cammino mi hanno fatto innamorare...Voglio esser positiva e pensare che, anche se ora ci separiamo e ognuno prenderà strade diverse, un domani ci ritroveremo Voglio essere posie ripenseremo insieme a questi bei momenti di vita (i migliori anni della nostra vita, per dirla alla Zero), magari Davide pensaci tu ad organizzare il tutto...In bocca al lupo a tutti per i prossimi esami e per tutto!!!

Elena ha detto...

Oddio, come sono triste. Prof, mi mancherà. Si è reso conto che ci ha dovuto ripetere due volte che la lezione era finita e potevamo andare in pace? Tra l'altro, non so se ho visto male io, ma l'aula di oggi ricordava una chiesa. Bah.
Grazie davvero per questo bel corso e per il suo entusiasmo.

Grazie a tutti per il divertimento e l'affiatamento.

Mi raccomando, non perdiamoci di vista.

Elena

Manuel ha detto...

E' stato un bel corso.
Forse ci sono ancora alcuni progetti in sospeso, o avremmo potuto fare di più e meglio; credo però che vada sottolineato come in molti di noi si sia riacceso quell'entusiasmo, quella passione, quella GIOIA d'imparare che ci ha spinto a frequentare l'università. Alla fine della lezione di oggi mi è rimasta una sensazione di pienezza, di soddisfazione; sono convinto che questo percorso non sia concluso, che abbia saputo infondere in qualcuno una voglia quasi rabbiosa di pretendere di più, di mettersi in gioco come creativo, account o chissà...

Concludo ringraziando la dottoressa Stefania Bastianelli per il suo contributo di oggi. Il professor Ghidotti terrà tra gennaio e febbraio un paio di lezioni per i futuri copy; sarebbe bello fare altrettanto a proposito dell'accounting (mi perdonerà se ho preso alla lettera il suo suggerimento:"Non siate passivi!").

anapana ha detto...

Ciao, ragazzi,

Anch'io ho la stessa sensazione di cuore in golla, di un'epoca che finisce, del dover crescere. Forse tra le cose che più mi inquietano è il cambiamento della risposta ad una semplice domanda: "Cosa fai nella vita?" "Studio". C'era un qualcosa di magico in questa parola, una tranquillità mescolata alla giusta spensieratezza, un timido ottimismo. Studio perché intendo fare qualcosa, ho dei grandi piani, io, con la mia vita. Anche se non avessimo fatto nulla di rilevante, studiare era già di per sé un'attività nobilitante, e bastava per giustificare le nostre misteriose scomparse. Non posso uscire, devo studiare... Ah, si, allora lasciamo che l'intellighenzia lavori.

Vi allego un pezzo di una poesia di S. Armitage (chiedo scusa se in inglese) sul crescere e fare i conti con i nostri miti da bambini

Batman, big shot, when you gave the order
to grow up, then let me loose to wander
leeward, freely through the wild blue yonder,
as you liked to say, or ditched me, rather, in the gutter... [...]
you, baby, now I'm the real boy wonder.

Cosa fai nella vita? Vivo

laura ha detto...

cavolo che tristezza leggere i vostri commenti... se non avevo ancora realizzato "la fine della storia" ora mi è piombata letteralmente addosso!

grazie prof, lei con i suoi mille stimoli è stato l'unico a dirci chiaro che qllo che vogliamo fare è già dentro di noi!

non chiudiamo il blog...

valentina ha detto...

E'stato bello anche per noi prof.
Grazie. Aveva ragione la Dottoressa
Stefania nel dire che trova mille modi per dire le cose sempre coinvolgendo e trasmettendo una passione che mi faceva rimanere incantata ad ascoltarla. Magari pensava dormissi. :)
Sbagliato; immagazzinavo, apprezzavo, riflettevo.
Questo è un corso per cui valeva la pena davvero seguire.
Complimenti per l'impegno in questi mesi e per la sua carriera.

Mi aggiungo alla lezione straordinaria.. se c'è un posticino.
Grazie, ha ricreato il clima di una vera classe.. stile liceo. Valentina

Anna ha detto...

Dopo aver letto il post e tutti i commenti non riesco più a scrivere. procedo a monosillabi. Mi servirà qualche mese per riprendermi: per ora GRAZIE.
Ultima cosa: posso usare i famigerati puntini?Mi servono per dire che la storia continua....

Saretta ha detto...

mi accodo tra i mille grazie...grazie per le divertenti lezioni, per l'interesse che ha suscitato in praticamente tutti noi, per la voglia di fare, cercare, scoprire che sento sempre più crescente. grazie per l'entusiasmo, la passione che lei ha per il suo lavoro trapelava sempre di più e credo proprio che un po' siamo riusciti ad assorbirla. Anche se magari alcuni di noi non hanno intenzione di diventare copy o account sono sicura che gli insegnamenti ricevuti sono stati preziosi, che sapremo custodirli e ripescarli nel momento giusto. grazie a lei prof ma grazie anche all'intera classe, come qualcuno ha già detto, sembra proprio di essere tornati al liceo in certi momenti così aggreganti, così da classe unita, tutti assieme per lo stesso scopo, tutti assieme stando bene, tutti assieme divertendosi, tutti assieme approfondendo le conoscenze gli uni degli altri.. uff che tristezza, è proprio finita, non sembra nemmeno vero a dirlo..

Elisa Zocchi ha detto...

Caro Professore,
entrare a distanza di 24 ore dalla lezione conclusiva sul blog e trovare 40 commenti ad un unico post, mi ha fatto sgranare gli occhi. Sembra che tutti i compagni che hanno lasciato un commento si aspettassero di trovare immediatamente una sorta di epilogo virtuale: ed in effetti, avevano ragione.
Il semestre è volato, non nascondo che un po' sono felice: quello che mi mancherà del suo corso è che lei, Professore, ci faceva sentire tutti importanti. O almeno, questa è la mia impressione: le risposte personali sul blog, l'appello in classe -non per controllare chi fregava sulle firme- ma per conoscere i nostri volti e non lasciarci cadere nell'anonimato (cosa che accade praticamente sempre in università) e soprattutto l'aver colto qualcosina di tutti noi studenti:del nostro carattere, delle nostre aspirazioni, delle nostre paure... non è cosi? In aula con lei c'era posto per tutti (anche se non sulla sedia!).
E se non è una soddisfazione questa per un professore... ...
Con tutti questi commenti commossi e, credo, sinceri, penso che potrà passare un Natale davvero speciale! E se ne avrà bisogno, tutto quello che le abbiamo lasciato noi in questo corso sarà un motivo valido per avere ogni giorno una marcia in più nel suo lavoro: in agenzia e "dietro" una cattedra.

stefania ha detto...

Quando sono arrivata a Milano a settembre contavo i giorni che mi separavano dalle vacanze di Natale. Ancora prima di cominiciare mi sentivo già stanca al pensiero di studiare, leggere libri, vedere slide, andare a lezione...invece...ora mi trovo ripensare a questi mesi passati assieme tra i banchi a imparare, ridere e scherzare.
Questo corso in particolare ci ha toccati un pò tutti, spingendoci a partecipare e a chiederci più seriamente che cosa faremo del nostro futuro e dai commenti letti mi viene da pensare che qualcuno celi in sè un'anima di copy... ragazzi, siete stati commoventi con le vostre parole!
grazie a tutti di questi mesi passati assieme e grazie prof dei suoi sforzi per creare sempre lezioni coinvolgenti e per i suoi consigli.Spero di avere quel coraggio, voglia di rischiare e di mettermi in gioco che spesso ci ha mostrato nelle case history.

Matilde ha detto...

Mamma mia, ho appena letto il suo post e i 43 commenti tutti d'un fiato. Accidenti, mi è ritornato lo stesso magone di ieri dopo l'ultima lezione quando sono uscita dall’aula insieme ad Anna... anzi più intenso di ieri.
Vorrei scrivere mille cose, ma non so da dove iniziare, alcune sono state già dette: non credo che a nessuno di noi sia mai capitato di poter seguire un corso così arricchente da tanti punti di vista. Un corso che ci accendesse l’interesse, la fantasia, l’immaginazione ecc che ci facesse sentire più vivi e non solo dei contenitori da riempire di nozioni e conoscenze. Ma soprattutto c’ha riempiti di entusiasmo ed è riuscito anche a commuoverci. Se il suo obiettivo iniziale era quello di farci vedere il mondo, le cose che ci circondano in maniera differente credo proprio che ci sia riuscito. Dirle grazie mi sembra riduttivo, continui così.

Pastor Bonus ha detto...

Osare e avere voglia di fare: sono questi due i concetti che mi sono rimasti più impressi.
AUDE ET AD MAIORA PERVENIES.
Rivolgo questo augurio a lei e a tutti i miei compagni di corso.
Osate gente, osate.

Saverio Suraci ha detto...

Professore,
io sono orfano del lavoro da fare, e l'unica cosa che mi viene in mente è una batosta, 6-1 6-1, che mi ha rifilato a tennis! Ha detto che aveva ancora qualcosa da proporre...sono in trepidante attesa...non mi punisca nuovamente però! E la smetta di indossare la carrozzeria da 40enne su un motore da 18enne, questo è barare!

marcello mazzucotelli ha detto...

Io non so cosa farò da grande. Questo corso però mi ha dato l'ennesima conferma che credere in se stessi è tutto. Questa è stata la lezione più importante che ho imparato. Poi il resto verrà da sè.
Grazie.

marcello mazzucotelli ha detto...

P.S: grazie anche a tutti i miei compagni perchè il giorno in cui il mio progetto è stato votato e in cui ci abbiamo provato li ricorderò con affetto..e non mi era mai successo..

Daniela ha detto...

Mi associo a tutto quanto scritto sopra.
Soprattutto a quanto detto da Fede, ovvero che quando ho saputo che c'era lei al Lab, mi sono sentita "strana": perchè sapevo che sarebbe stato interessantissimo, pieno di stimoli in un'atmosfera molto "particolare, partecipativa e unica". Altro che università. Sembrava di stare quasi in..non so, in oratorio. o quelle riunioni dei gruppi vacanze estivi...
la cosa più bella era, davvero, sentire come lei ci sapeva Ascoltare, valorizzando i nostri pensieri, cercando di farli confluire verso qualcosa di concreto da cui partire per realizzare un pezzettino di noi stessi.
E io che alla prima lezione già la conoscevo, e avevo paura ad aprire bocca e alzare la meno per dare la "mia" definizione di creatività. temevo.

Qualcosa è cambiato, verissimo.

Spero, e forse lo dico a nome di tutti, che il nostro gruppo Le abbia trasmesso tanta grinta in più. Le abbia dato le conferme per creare tantissime lezioni interessanti e diverse l'anno prossimo. perchè, se dovrà tenere un altro Lab. Io ci sarò, e penso non solo io.

GRAZIE!

Daniela

Christian Harris ha detto...

WOW... 49 commenti. Questa volta sono tra gli ultimi a commentare causa intera giornata dedicata ad un assesment in Danone ed è stato bellissimo leggere tutti i vostri commenti dal primo all'ultimo.

Prof, ma se li è stampati e attaccati in agenzia? Non so quanti professori siano riusciti nella loro carriera ad ottenere così tanti consensi pur facendo il loro lavoro senza sconti ed ipocrisie, rimanendo sempre se stessi. Complimenti davvero e grazie.

Grazie per avermi fatto capire ancora una volta che sono sulla strada giusta (la comunicazione) e grazie anche per avermi fatto scoprire che non so realmente cosa faccia di più per me: azienda o agenzia? copy, account o responsabile comunicazione? ... mi è servito a rimettermi in gioco, senza troppe false convinzioni. E grazie per l'entusiasmo e la creatività che ha trasmesso a questo mio/nostro semestre.

Non perdiamoci, attraverso il blog e attraverso qualche pizzata ogni tanto, OK?? Vale anche per lei prof!

Christian Harris ha detto...

Un grosso in bocca al lupo con Amplifon! Servono anche a lei gli augurii ogni tanto, no?

alessia cap ha detto...

"Per la prima volta nella mia vita, so cosa voglio fare! E per la prima volta, lo farò! Che mio padre lo voglia o no! Carpe diem! (..)
Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo sempre guardare le cose da angolazioni diverse. E il mondo appare diverso da quassù. Non vi ho convinti? Venite a veder voi stessi. Coraggio! È proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da un'altra prospettiva.(..)
Qualunque cosa si dica in giro, parole e idee possono cambiare il mondo.(..)
Carpe Diem. Cogliete l'attimo, ragazzi. Rendete straordinarie le vostre vite."

Solo che il nostro Robin Williams non parla inglese!

Davide F. ha detto...

Prof. questo è per lei..

http://www.youtube.com/watch?v=NX0sOWKzUos&feature=related

Asheley: Brioschi

Lui: Guidotti(l'ho chiamata così per tutto il corso)

Lei: ovviamente noi di comunicazione di impresa

speriamo solo in un finale diverso!

Due chicche per concludere:

1)La sua voglia di autocelebrarsi spesso espressa con ironia mi ha stimolato a migliorare.

2)Ogni volta che diceva "non voglio influenzarvi" in realtà ci influenzava di più e personalmente lo trovavo divertente.

PS: a questo punto mi toccherà invitalra per la prossima pizzata, magari potrei invitare anche le conigliette!!!!

sabrina ha detto...

Ieri mi è successa una cosa strana. Sono andata alla triennale a vedere la mostra sugli anni ’70. Ho pensato: devo assolutamente dire ai miei compagni di andarci! Mi è parso buffo perché in realtà io non conosco quasi nessuno. Anzi a dirla tutta non avrei neanche dovuto frequentare questo corso.
Volevo ringraziarvi. Vi sembrerà banale ma mi avete fatto capire che in questa università ci sono cervelli pensanti, intelligenti e che rispondono agli stimoli. E in qualche modo mi avete riportata all’atmosfera della triennale allo STARS di Brescia. Mi dispiace perdervi di vista (però ora ho il mitico facebook…:-).
Beh prof. mi sembra ripetitivo ringraziarla. Parlare e dire qualcosa sono due cose diverse. Ho sentito molti prof. parlare ma pochi dire qualcosa di interessante. Mettiamola così: se scrivesse “La vita secondo Ghidotti” io lo comprerei e le chiederei anche la dedica!

(sto esagerando? no vabbe...vedrà che l'anno venturo le chiederanno una gigantografia in costume da appendere in camera)

Ps. Non avremo mai la risposta a philips?
Pps. secondo me l’anonimo è qualcuno che lavora con il prof. in agenzia…

Anonimo ha detto...

Non sono della specialistica, non dovevo nemmeno seguire il suo corso, ma ho partecipato ad alcune sue lezioni. Ricordavo l'entusiasmo che mi aveva trasmesso al laboratorio del secondo anno e non si è smentito nemmeno con questo, con il Lab. Anzi, a dir la verità, non avevo mai visto tanta energia e voglia di fare come l'ho vista in queste lezioni. Sia da parte sua che da parte dei suoi studenti. Sono contenta che questo corso abbia avuto successo. Era un test per tutti, per noi, per lei, e pechè no? Anche per i poveri bidelli-buttafuori.
Spero che il Blab resista e che continui ad essere una fonte di stimoli come lo è stato fin'ora.
Buona fortuna a tutti.

Cristina

Pastor Bonus ha detto...

Brava Alessia!!Sosteniamo questo povero latino sopraffatto dalla lingua della perfida albione!

VeraMente ha detto...

Devo ammettere che non mi sento molto a mio agio nei panni della Rossella della situazione. Di solito sono io ad andarmene, infatti.
Devo lavorarci su.

Appoggio completamente l'idea di mantenera in vita il Blab. Cercherò di contribuire attivamente.

Lo sa, prof, che ci ha drogati? Continuo a controllare il blog quasi quanto la mia posta personale, anche adesso che non scrive più.
E' una tattica per far scrivere noi?
Se lo è, sta riuscendo benissimo.

(to be continued...)

ale durante ha detto...

Sembra che questo corso abbia magicamente rivalutato 5 anni di università. mentre prima tutti non vedevano l'ora di concludere gli studi per trovare stimoli nuovi, adesso nessuno vuole lasciare il suo lab...e credo proprio che se andasse avanti, anche senza esami, senza scadenze, lei prof si troverebbe la classe piena fino a giugno! E pensare che fuori la gente è convinta che gli studenti siano svogliati, demotivati e pigri. In questi post si legge tutto il contrario.

Com'è strano...stavo riguardando i miei appunti del lab; saranno a dir tanto 10/15 pagine, non di più. Eppure sento che questo corso mi ha insegnato tantitissimo ed è stato davvero perfetto come chiusura della nostra vita da studenti. come se fosse lì per spiegarci per quale motivo siamo stati a scuola per 20 anni e per dimostrarci che, anche se a volte ci è sembrato tempo perso, in realtà ci ha formato, ci ha insegnato a dimostrare che di cose ne sappiamo e soprattutto ci ha dato la base da cui partire per mettere in pratica quello che in ultimo ci ha insegnato lei... su una solida base di conoscenze vanno poi applicati entusiasmo, grinta, motivazione e PASSIONE senza i quali nessuno diventerà mai nè un copy, nè un account nè una persona "per cui vale davvero la pena..."

silvia a. ha detto...

prof, ma non sarà davvero sparito?? ci dia un segnale, la prego!! w il blab!!

Valentina T ha detto...

Beh, che dire, mi ha fatto un certo effetto vedere il numero dei commenti!
Non posso che associarmi a quanto ho letto. L'atmosfera, lo spirito che si respirava nelle sue lezioni, prof, è qualcosa che non ho mai vissuto in cinque anni di lezioni universitarie: la capacità di coinvolgerci, di stimolare anche chi, come me, è per carattere poco incline a parlare in classe, di trasmetterci insegnamenti che nessun libro potrà mai darci.
GRAZIE davvero: se penso che non ci saranno più sue lezioni, divento malinconica. E quindi, se c'è posto, mi prenoto per la lezione straordinaria di gennaio.

Di nuovo grazie prof, credo che ognuno di noi si senta molto più ricco dopo il suo corso.

Davide F. ha detto...

Oggi a pranzo mia sorella ha detto:
"devo andare al mercatone dell'arredamento "

ed io e quel pistola del suo ragazzo- prossimo marito abbiamo intonato:

"al mercatone dell' arredamento ti Fizzonasco"

Mi domando e dico, diciamo che più mi dico e meno mi domando,Tv pubbliche e private mi hanno riempito la testa di questi Jingle o Claim .
Uno comincia a cantare ed io li finisco.

Paio di esempi:

"Gira gira gira scegli rotowash"

"Già fatto è pic"

"C'è Gigi?e la cremeria?"(poveri tutti quelli che si chiamavano così...presi in giro a vita)

"é nuovo?no lavato con perlana"

è così anche per voi?o sono semplicemente malato?(so che vi sto servendo sul piatto della facile ironia).

Insomma vi va di condividerli?un salto nostalgico nel passato e allo stesso tempo una scoperta di quelle frasi che magari sono famose solo in alcune regioni o città!
PS: c'era stata una proposta anche a lezione poi evasa...

PPS:
ADESSO è IL NOSTRO TURNO DI STIMOLARE, INVENTARE E SBAGLIARE.

saretta ha detto...

davide se non sbaglio cinzia fa il suo approfondimento proprio su questo tema!!

flavia ha detto...

Sinceramente non ho volutamente controllato il blog da qualche giorno perchè ero sicura del fatto che tutti noi avremmo scritto qualcosa "in coro" e volevo gustarmi tutti i post in un fiato: esperienza indimenticabile!

Se all'inizio del corso lei, prof, si lamentava un po' del fatto che pochi di noi si cimentassero nella partecipazione al blog, ora, a corso finito,una valanga di messaggi l'ha sommersa.
Forse il miglior traguardo che insieme abbiamo raggiunto è proprio questo: la sensazione di essere diventati una vera classe che ha iniziato, step by step, a COMUNICARE.
E' lei che ha buttato le basi più concrete per il nostro futuro di comunicatori e non tutti gli altri professori che in 5 anni ci hanno riempito solo di teorie e paradigmi!
Io la ringrazio proprio di questo: per averci trasmesso, con tutto il suo entusiasmo, la voglia di fare, di parlare, di trasmettere qualcosa di noi agli altri, sbagliata o giusta che sia.
Non chiuda il blog perfavore ma continui ad ispirarci e a stimolarci perchè è una cosa che sa fare benissimo!
Grazie ancora per questi mesi
e tanti auguri per ogni cosa!

Matilde ha detto...

A proposito del fatto che sia arrivato il nostro turno nel proporre, stimolare ecc. io avrei una proposta, giusto per iniziare: mi piacerebbe confrontare le vostre idee, sensazioni sugli spot in onda in questo periodo in tv,
vista anche la grande offerta del periodo natalizio.
Io ne ho un paio che mi proprio non sopporto:
1)Crai (Spesa fantastica)
http://it.youtube.com/watch?v=CteVUnp3a2Y

2)Caffè Palombini (non c’è traccia dello spot su youtube, né sul sito della Palombini)

Più che altro mi chiedo dove sia l'idea creativa in questi due spot.

È giusto una prima proposta.

doriana ha detto...

Professore ci dia un segno. Perfavore. Non ci può abbandonare in questo modo.

angelo ha detto...

Non è che non voglio rispondere ai vostri 66 commenti, è che sono talmente belli che sono in imbarazzo. Prima di tutto, devo dire che sono immeritati. Se è venuto fuori un corso così intenso e coinvolgente, è dovuto essenzialmente a voi. Quindi, vorrei fare dei ringraziamenti. Grazie a quelli che si sono dati da fare, a quelli che si sono esposti, hanno rischiato, hanno presentato progetti, hanno lasciato da parte timori e ritrosie e ci hanno provato. Grazie a quelli che sono stati votati e ancora di più a quelli che non lo sono stati. A quelli che hanno lavorato, a casa loro, per costruire, organizzare, mettere in rete, montare, condividere. Grazie a quelli che sono venuti a lezione, soprattutto se facevano fatica, se dovevano prendere un treno, o due metro, o tre mezzi, e grazie ancora di più a chi doveva spingere delle ruote che nessuno di noi sa come sono pesanti, da spingere. Grazie a quelli che vengono da altri paesi, da altre culture, da altre lingue, e hanno imparato la nostra. Grazie a quelli che erano con noi anche da lontano. Grazie a quelli che non si sono messi negli ultimi banchi, oppure che ci si erano messi, e poi sono venuti un po’ più avanti. Grazie a quelli che si sono seduti per terra, sui gradini, sotto le finestre, perché quelle prime lezioni sono state magiche. Grazie a quelli che hanno scritto, commentato, o anche solo letto, e tenuto vivo questo blog. Grazie a quelli che hanno alzato la mano, che hanno obiettato, che ci hanno fatto sorridere e anche cambiare idea. Grazie a quelli che mi hanno invited to be their friends, perchè ho imparato una cosa nuova, e mi piace rivedere le loro belle facce. Grazie a quelli che sono venuti a trovarci a lezione e ci hanno raccontato qualcosa delle loro esperienze e dei loro progetti. Grazie di aver fatto diventare questo corso la cosa più bella, per me, di quest’anno.
E adesso fermiamoci qui, se no questo post non finisce più.

doriana ha detto...

Ragazzi non so voi ma io sono già gelosa del gruppo del prossimo anno.

Matilde ha detto...

ahahahahah... è la stessa cosa che ho pensato dopo aver letto i tutti i commenti.
Beh, vorrà dire che andremo a fare le incursioni organizzate nelle ore di lezione del prof: faremo una guerrilla di riporto!

angelo ha detto...

Tranquilli, babies. Un altro corso così non ci sarà mai più.

silvo ha detto...

nonostante ti conosca da anni, devo dire che tutti questi splendidi commenti hanno commosso anche me.... bravi ragazzi e grande GIL (a tennis un pò meno)

angelo ha detto...

Grazie Silvo, tu che mi conosci da anni sei consapevole che sono tutti immeritati. Il merito è deli allievi. Comunque non eri autorizzato a rivelare il mio nick. Spero che nessuno se ne accorga.

Anonimo ha detto...

you're right! I agree
Rino

Pastor Bonus ha detto...

GIL..mmm come Gil Evans??

Anonimo ha detto...

pastore quo vadis?
noli mi tangere
Rino

Pastor Bonus ha detto...

Noli ME tangere..non ci siamo gennà!

Anonimo ha detto...

alle 2 di notte vai trovando il me il mi e il rum e crystal